Questo sito utilizza i cookie. I cookie sono fondamentali per ottenere il meglio dai nostri siti Web, consentono la memorizzazione delle preferenze degli utenti e altre informazioni che ci aiutano a migliorare il nostro sito Web. E’ possibile trovare maggiori informazioni sui cookie, su come controllarne l’abilitazione e negare il consenso con le impostazioni del browser cliccando qui.
La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookie.

Servizio Sociale Professionale

IL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE

L’attività del servizio sociale professionale è finalizzata alla lettura e decodificazione della domanda, alla presa in carico della persona, della famiglia e/o del gruppo sociale, all’attivazione ed integrazione dei servizi e delle risorse in rete, all’accompagnamento e all’aiuto nel processo di promozione ed emancipazione.   

Il servizio sociale è il riferimento primario per la valutazione professionale del bisogno e per la definizione del progetto personalizzato. Quando il bisogno ha caratteri tali da richiedere l’intervento di più professionalità sociali e sociosanitarie, il servizio sociale attiva l’unità multidisciplinare.

L’unità multidisciplinare valuta i bisogni del cittadino portatore di un bisogno complesso che necessita di una risposta assistenziale integrata. E’ finalizzata alla valutazione multidimensionale, alla definizione del problema e del piano personalizzato di assistenza, all’attuazione e alla sua periodica verifica.

L’unità multidisciplinare utilizza la valutazione multidimensionale quale metodo per l’elaborazione del piano personalizzato di assistenza, individuando prestazioni, operatori, tempi e risorse e stabilendo le verifiche sugli esiti e sulla qualità delle prestazioni. Le verifiche debbono coinvolgere anche la persona e il suo nucleo familiare per un riscontro sulla qualità e l’efficacia.

Per garantire continuità assistenziale alla fase di ricovero ospedaliero, nei casi di anziani fragili, viene prevista precocemente, intorno alla terza giornata dall’ammissione, l’attivazione delle figure professionali, sociali e sociosanitarie, e dei servizi dell’ambito e del distretto per la valutazione multidimensionale dei bisogni e l’organizzazione dei percorsi di dimissione appropriata e concordata.  

Servizio Psicologico

IL SERVIZIO PSICOLOGICO

Gli interventi e le prestazioni psicologiche hanno l’obiettivo, all’interno della residenza, di promuovere e facilitare la qualità di vita nella persona anziana, ponendo attenzione alla relazione esistente tra gli aspetti morfologico-funzionali dell’invecchiamento e il comportamento individuale. Interventi di valutazione della persona anziana: assessment funzionale (cognitivo, psico-relazionale); individuazione degli obiettivi (necessità, fattibilità); programma d’intervento (sostegno psicologico, counselling); verifiche periodiche e programmate, partecipazione all’èquipe per la valutazione multidimensionale.

L’attività psicologica nell’ambito del servizio ADI, si esplica attraverso  la valutazione -del bisogno di natura psicologica nonché alla dinamica intrapsichica e relazionale dell’evento-stress riferito sia alla persona anziana in ADI  che alla figura del care-giver, al fine di definire le modalità esplicative degli interventi socio-assistenziali in sede di equipe interna; partecipazione all’UVM interistituzionale.

Le UVM provvedono alla valutazione multidimensionale della persona con bisogni socio-assistenziali psicologici, cognitivi e sanitari complessi e alla definizione di un programma  integrato di interventi ritenuti idonei, nonché alla verifica del progetto e relativo piano assistenziale predisposto.

Il processo assistenziale* di seguito illustrato evidenzia le diverse fasi dell’intervento tecnico-professionale, necessario alla definizione del progetto personalizzato.

 

 

     *Fonte: Studi ZANCAN

Segretariato Sociale

IL SERVIZIO DI SEGRETARIATO SOCIALE

La funzione professionale di segretariato sociale risponde al bisogno di informazione dei cittadini con l’obiettivo di promuovere l’esigibilità dei diritti di cittadinanza sociale. E’ quindi strumento per far conoscere tutte le risorse della comunità pubbliche, del terzo settore e del volontariato, a pagamento e a titolo gratuito.

Per la sua natura il segretariato sociale non è risposta ai problemi della persona, ma ne prepara le condizioni e la mette in condizione di orientarsi, di approfondire il bisogno e di decidere le soluzioni più adeguate.

La funzione di accesso ai servizi sociali e sociosanitari è complementare rispetto a quella di segretariato sociale e ne rappresenta la naturale prosecuzione quando, oltre a un bisogno informativo, si evidenzino problemi di natura sociale e sociosanitaria.

La  funzione di osservatorio garantita dal segretariato sociale risponde all’esigenza di avere uno strumento idoneo a capire come evolvono i bisogni, sia da un punto di vista qualitativo che quantitativo. A questo obiettivo il segretariato sociale  può dare un contributo sistematico, raccogliendo i dati relativi alla domanda e alle modalità di risposta ai bisogni.

In particolare l’attività di segretariato sociale è finalizzata a garantire:

unitarietà di accesso, capacità di ascolto, funzione di orientamento, capacità di accompagnamento, funzione di filtro, funzioni di osservatorio e monitoraggio dei bisogni e delle risorse, funzione di trasparenza e di fiducia nei rapporti tra cittadino e servizi, soprattutto nelle gestione dei tempi di attesa nell’accesso ai servizi.

E’ quindi un livello informativo e di orientamento indispensabile per evitare che le persone esauriscano le loro energie nel procedere, per tentativi ed errori, nella ricerca di risposte adeguate ai loro bisogni.

A questo scopo occorrono in particolare evitare che proprio i cittadini più fragili e meno informati vengano scoraggiati nella ricerca di aiuto a fronte di barriere organizzative e burocratiche che comunque vanno rimosse per ridurre le disuguaglianze nell’accesso.

Il segretariato sociale  svolge attività di informazione e consulenza in risposta al bisogno di informazione dei cittadini, con l’obiettivo di promuovere l’esigibilità dei diritti sociali. E’ strumento di orientamento del cittadino e di conseguenza di tutte le risorse della comunità,  pubbliche e del terzo settore, private.

Il servizio di segretariato assolve, inoltre, alla funzione di:

- “porta unitaria” di accesso ai servizio sociali e sociosanitari quando, oltre ad un    bisogno informativo, si manifestano bisogni di natura sociale e sociosanitaria;

- “osservatorio”, in risposta all’esigenza di disporre di uno strumento di lettura dei

  fenomeni di evoluzione dei bisogni sociali e di monitoraggio delle risorse disponibili.