Questo sito utilizza i cookie. I cookie sono fondamentali per ottenere il meglio dai nostri siti Web, consentono la memorizzazione delle preferenze degli utenti e altre informazioni che ci aiutano a migliorare il nostro sito Web. E’ possibile trovare maggiori informazioni sui cookie, su come controllarne l’abilitazione e negare il consenso con le impostazioni del browser cliccando qui.
La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookie.

Servizio Sociale Professionale

IL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE

L’attività del servizio sociale professionale è finalizzata alla lettura e decodificazione della domanda, alla presa in carico della persona, della famiglia e/o del gruppo sociale, all’attivazione ed integrazione dei servizi e delle risorse in rete, all’accompagnamento e all’aiuto nel processo di promozione ed emancipazione.   

Il servizio sociale è il riferimento primario per la valutazione professionale del bisogno e per la definizione del progetto personalizzato. Quando il bisogno ha caratteri tali da richiedere l’intervento di più professionalità sociali e sociosanitarie, il servizio sociale attiva l’unità multidisciplinare.

L’unità multidisciplinare valuta i bisogni del cittadino portatore di un bisogno complesso che necessita di una risposta assistenziale integrata. E’ finalizzata alla valutazione multidimensionale, alla definizione del problema e del piano personalizzato di assistenza, all’attuazione e alla sua periodica verifica.

L’unità multidisciplinare utilizza la valutazione multidimensionale quale metodo per l’elaborazione del piano personalizzato di assistenza, individuando prestazioni, operatori, tempi e risorse e stabilendo le verifiche sugli esiti e sulla qualità delle prestazioni. Le verifiche debbono coinvolgere anche la persona e il suo nucleo familiare per un riscontro sulla qualità e l’efficacia.

Per garantire continuità assistenziale alla fase di ricovero ospedaliero, nei casi di anziani fragili, viene prevista precocemente, intorno alla terza giornata dall’ammissione, l’attivazione delle figure professionali, sociali e sociosanitarie, e dei servizi dell’ambito e del distretto per la valutazione multidimensionale dei bisogni e l’organizzazione dei percorsi di dimissione appropriata e concordata.